JA slide show

COMUNICATO STAMPA

E-mail Print PDF
User Rating: / 0
PoorBest 

Con preghiera di diffusione:


AMA FUORI DAL BUIO
Associazione Malati Autoimmuni Orfani e Rari
AOU POLICLINICO DI MODENA

in collaborazione con il
CENTRO PER LE MALATTIE RARE DEL POLMONE
AOU POLICLINICO DI MODENA


COMUNICATO STAMPA

A Modena una settimana di attività dedicate alla Settimana mondiale dell’IPF

INFORMARE LA POPOLAZIONE PER ANTICIPARE LA DIAGNOSI

E SOSTENERE LE PERSONE CON L’IPF

Numerose le iniziative organizzate dall’Associazione Ama Fuori dal Buio

e il Centro per le Malattie Rare del Polmone del l'AOU Policlinico di Modena

per la Settimana Mondiale della Fibrosi Polmonare Idiopatica


Modena, 16 settembre 2017 - Arriva in Italia, per la settimana mondiale dedicata alla lotta alla Fibrosi Polmonare Idiopatica (www.ipfworld.org), che si svolge in tutto il mondo dal 16 al 24 settembre, la Campagna europea “Ascolta i suoni dell’IPF” realizzata dalla EU-IPFF Federation "Federazione Europea per l'IPF", di cui AMA FUORI DAL BUIO è membro fondatore, a cui aderisce anche FIMARP (la Federazione Italiana IPF e Malattie Rare Polmonari che riunisce tutte le Associazioni presenti sul territorio nazionale).

Con l’occasione a Modena, grazie al coinvolgimento dell’Associazione Ama Fuori dal Buio, si terranno diverse attività e verranno distribuiti materiali informativi dedicati a comprendere l’esperienza di chi è costretto ogni giorno a fare i conti con la malattia che, lasciando senza fiato, rende difficile compiere le cose più semplici, come camminare o fare le scale.

L’IPF è una malattia rara, difficile da riconoscere, la cui diagnosi può venire formulata dopo anni dalla comparsa dei primi sintomi, a causa della similitudine con quelli di molte altre malattie respiratorie, in particolare tosse secca e fatica a respirare, che compare solo durante l’esercizio fisico. Un tempo troppo lungo che si ripercuote sul paziente, la cui spettanza di vita è in media di 2-5 anni dalla diagnosi.

È noto che non esiste una cura definitiva, in grado di far regredire o stabilizzare la malattia. Sono tuttavia disponibili - già da qualche anno - farmaci in grado di rallentarne la progressione, alleviandone i sintomi e migliorando la qualità di vita del paziente. Non solo cure farmacologiche, ma anche terapie non farmacologiche in grado di migliorare la respirazione, quali l’ossigenoterapia, fino alla possibilità di trapianto per i pazienti di età inferiore a 65 anni.


CALENDARIO EVENTI

16 SETTEMBRE:
"Le attività, svolte dall'Associazione AMA FUORI DAL BUIO (www.fuoridalbuio.it), in collaborazione con il CENTRO PER LE MALATTIE RARE DEL POLMONE dell'AOU Policlinico di Modena diretto dal Prof. Fabrizio Luppi, hanno avuto inizio oggi 16 settembre alle ore 10,30 presso il Policlinico di Modena - dichiara Rosalba Mele, Presidente dell’Associazione AMA Fuori dal Buio di Modena - con un incontro tra medici e pazienti in cui sono state presentate le ultime novità nazionali ed internazionali nell'ambito della ricerca e dei diritti del malato.


17 SETTEMBRE:

"La giornata del 17 settembre, che ha ottenuto il Patrocinio del Comune di Modena, inizierà alle ore 9,30 in piazza Grande - prosegue Rosalba Mele – dove Achille verrà accolto dai nostri volontari e pazienti e accompagnato in un tour che, dalla Cattedrale, al Palazzo Ducale in piazza Roma fino alla Fontana dei Due Fiumi in Largo Garibaldi, raggiungerà il Centro per le Malattie Rare del Polmone del AOU Policlinico di Modenadove sarà possibile effettuare spirometrie gratuite.

“Pedalando per l’Italia senza perdere un respiro, è il nome dell’iniziativa promossa da FIMARP e dalle Associazioni ad essa collegate, inclusa AMA Fuori dal Buio, con il supporto di diverse aziende, che nasce per sensibilizzare la popolazione su cosa sia l’IPF e le altre malattie rare polmonari, al fine di sostenere e mettere in contatto chi è colpito da questa terribile malattia. E sarà Modena ad ospitare la seconda tappa del tour in bicicletta di Achille Abbondanza, un paziente con IPF che attraverso lo sport, cerca una strada parallela alla lotta contro la malattia.

Achille ha 45 anni, è sposato, ha due figli e a febbraio 2016 ha ricevuto la diagnosi di IPF. La sua non è una gara, ma un viaggio fatto con altri partecipanti che lo sosterranno per raggiungere l’obiettivo di questo viaggio lungo 7 giorni. Partendo da Padova, dopo aver fatto tappa a Modena, proseguirà il suo tour a Forlì, Pistoia, Siena, per chiudersi a Roma il 23 settembre. 880 km densi di speranza per toccare alcune delle principali associazioni che operano in Italia nel campo dell’IPF.


24 SETTEMBRE:
La giornata conclusiva di domenica 24 settembre presso i Giardini Ducali vedrà svilupparsi l’iniziativa inserita nel più ampio evento organizzato dal Comune di Modena“Liberiamo l’Aria: “Nordic Walking nel verde" dalle ore 10,00 alle 13,00 e "Yoga per tutti” dalle ore 15.00 alle 18.00. I nostri volontari saranno presenti per tutta la giornata presso l'info-point per distribuire materiale informativo" grazie alla partecipazione di Anamyoga (www.anatomyoga.it) e Nordic Walking Passion (www.nordicwalkingpassion.it).

Purtroppo sono ancora troppe le malattie polmonari che rubano i nostri respiri - conclude Rosalba MeleL’IPF è una di queste, sconosciuta ai più, idiopatica ossia senza una causa conosciuta, che non ha una cura e che colpisce 12-16 mila pazienti in Italia, ma è un dato sottostimato a causa della difficoltà della diagnosi. Con le nostre iniziative vogliamo fare informazione e ricordare a tutti l’importanza della solidarietà. Le associazioni pazienti svolgono un ruolo fondamentale, perché permettono alle persone colpite dalla malattia e ai loro familiari di non sentirsi soli, di incontrarsi e condividere le proprie esperienze, ma anche di essere parte attiva nella battaglia contro l’IPF.”


Cos’è l’IPF

La Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) – prosegue la Dr.ssa Stefania Cerri, ricercatrice presso il Centro MaRP - è una rara patologia polmonare, irreversibile, progressiva e nella maggior parte dei casi fatale, che colpisce in Italia circa 16 persone ogni 100.000 abitanti, soprattutto uomini di età superiore ai 50 anni. La malattia si manifesta con un’alterazione del tessuto polmonare (simile a cicatrici) che diventa più rigido tanto da non garantire la corretta funzionalità dei polmoni. I primi sintomi consistono in tosse secca, persistente e non motivata da altre cause riconoscibili, e dispnea, ossia mancanza di fiato durante l'esecuzione delle attività abituali (camminare, salire le scale, spostare pesi ecc.). Poiché questi sintomi non sono specifici e possono essere confusi con altre malattie polmonari, la diagnosi viene spesso fatta in ritardo.


L’IPF IN 10 PUNTI:

• Nel Mondo sono più di 1 Milione le persone con Fibrosi Polmonare Idiopatica

• In Italia circa 16 persone ogni 100.000 abitanti sono affette da IPF

• La malattia colpisce soprattutto uomini di età superiore ai 50 anni

• La malattia si manifesta con un’alterazione del tessuto polmonare (simile a cicatrici) che diventa più rigido con conseguente compromissione degli scambi respiratori

• I primi sintomi: tosse secca persistente e dispnea, ossia mancanza di fiato durante l'esecuzione delle attività abituali (camminare, salire le scale, spostare pesi ecc.)

• L’IPF è difficile da identificare, occorrono in media 2 anni per una diagnosi

• Il 50% dei pazienti inizialmente riceve una diagnosi non corretta

• L’IPF è una malattia rara, 9 pazienti su 10 non ne hanno mai sentito parlare prima della diagnosi

• Oggi i farmaci per l’IPF possono rallentare la progressione della malattia

• Il 72% delle persone con IPF pensa che una migliore gestione della patologia potrebbe migliorare il proprio benessere


Per maggiori informazioni

AMA Associazione Malati Autoimmuni Orfani e Rari

Rosalba Mele
333933223-83 - This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Dottor Fabrizio Luppi
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Dottoressa Stefania Cerri
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it


Info e video sulle attività:

www.youtube.com/watch?v=Bbwni1vKgV8
Il Nordic-Walking è un tipo di attività sportiva, ormai diffusa in tutto il mondo, che si pratica camminando naturalmente con l'utilizzo di specifici bastoncini simili a quelli utili per l’allenamento allo sci di fondo. Se eseguito con una tecnica corretta è un movimento completo che coinvolge fino al 90% della nostra muscolatura e permette di ottenere enormi benefici.

www.youtube.com/watch?v=X8TNwvdkj34

 

Il piacere di praticare Yoga nel verde, insieme a percorsi di meditazione camminata. Il gusto di stare in compagnia e condividere un momento all'aria aperta finalizzato alla comprensione di un'antica pratica che può essere svolta da tutti. Il bello di un weekend diverso in uno dei più bei parchi della città.

21 GIUGNO 2018 - GIORNATA MONDIALE DELLO YOGA

21 GIUGNO 2018
GIORNATA MONDIALE DELLO YOGA

Quale occasione migliore quella di oggi per ringraziare chi lo Yoga lo pratica con professionalità e alte competenze, ma anche con senso di solidarietà!

More:

Comunicato Stampa - Giugno 2018

Italia


IL GRUPPO DI SUPPORTO PER PERSONE CON FIBROSI POLMONARE E PER I LORO
FAMIGLIARI: pubblicato un articolo scientifico su "Acta Biomed for Health Professions"

Daniela Magnani


Dal 2013 l’Associazione AMA fuori dal buio (www.fuoridalbuio.it), in collaborazione col
Centro per le malattie rare del polmone (MARP) dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di
Modena
(Italia), ha contribuito all’avvio dei gruppi di supporto per persone con IPF e loro
famigliari, con l’intento di offrire ai partecipanti un luogo e l’occasione per incontrare altre
persone che vivono la stessa situazione, al fine di creare una rete di sostegno, condividere
esperienze e ricevere conforto da parte di una comunità di persone in grado di comprendere
l’impatto di questa malattia sulla propria vita e su quella delle persone vicine.
Durante gli incontri, che avvengono una volta al mese per la durata di due ore, i partecipanti
hanno l’opportunità di raccontare le proprie storie, di esprimere i propri pensieri e
sentimenti, di scambiarsi esperienze e informazioni. Quest’ultimo aspetto è molto
apprezzato dai partecipanti, dal momento che ciascun componente contribuisce con
informazioni preziose per gli altri, riguardanti la gestione quotidiana della propria vita con la
malattia, l’accesso ai servizi e alle agevolazioni previste per le persone malate di IPF.
In un clima di rispetto reciproco, dove si garantisce la tutela della privacy, i partecipanti si
scambiano idee e si confrontano, apprendendo gli uni dagli altri. La presenza di un
infermiere esperto, garantisce la correttezza e l’attualità delle informazioni che circolano
all’interno del gruppo.
Nel 2015 abbiamo condotto uno studio al fine di valutare gli effetti benefici della
partecipazione al gruppo di supporto, sulla qualità della vita e il benessere psicologico, di
tutti i partecipanti, malati e famigliari. Dallo studio è emerso che dopo sei mesi dall’inizio
dell’esperienza, si possono notare benefici sul livello di ansia, depressione, positività, senso
di controllo, sensazione di salute in generale e vitalità.


Link all'articolo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=magnani+lenoci


Riferimento bibliografico:
D. Magnani, G. Lenoci, S. Balduzzi, G. Artioli and P. Ferri, “Effectiveness of support groups to
improve the quality of life of people with idiopathic pulmonary fibrosis: a pre-post test pilot
study”, Acta Biomed, vol. 88, S. 5, pp. 5-12, 2017.

More: